Commercialisti: ecco le nuove sanzioni disciplinari

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

Sanzioni disciplinari 02-2

Il codice è in consultazione pubblica fino al 30 giugno

Stop di 6 mesi per chi non ha i crediti formativi e per l’assenza dell’assicurazione professionale. Fermo di un anno, invece, per chi non paga le tasse e sospensione dall’esercizio dell’attività per chi viola i doveri di indipendenza. Sono alcune delle principali novità previste dal nuovo codice delle sanzioni, elaborato dal Consiglio Nazionale dei commercialisti e sottoposto alla pubblica consultazione degli ordini territoriali fino al prossimo 30 giugno. Ventotto gli articoli della bozza, legata alla revisione del codice deontologico entrato in vigore nel marzo scorso, che elencano nel dettaglio le sanzioni “monstre” cui saranno assoggettati i professionisti che si macchiano di violazioni alle regole della deontologia.

Il codice, applicabile sia agli iscritti all’albo che alle società tra professionisti, si pone come uno strumento di indirizzo e d’obbligo che ha Continua a leggere

Annunci

Legge di stabilità 2016: l’Agenzia delle entrate fa il punto sulle novità fiscali

A cura dell’Avv. Valeria Zeppilli

materiafiscale

A distanza di quasi cinque mesi dall’entrata in vigore della Legge di Stabilità 2016, l’Agenzia delle Entrate ha provveduto a fare chiarezza sulle numerose novità che tale testo normativo ha apportato in materia fiscale.

Con la lunga e articolata circolare 20/E pubblicata il 18 maggio 2016, infatti, è stata fatta un’analisi delle novità in materia di imposte sui redditi riguardanti le persone fisiche, delle novità in materia di imposte sui redditi riguardanti le imprese, delle novità in materia di Iva, delle novità in materia di Irap, delle altre novità di interesse fiscale.

Ecco i principali chiarimenti forniti con riferimento a Continua a leggere

Efficienza energetica? Per la scuola una Guida dice cosa fare.

A cura della Dott.ssa Raffaella Striani

Questione aperta ed al15365406_l (1)quanto dinamica è quella relativa al miglioramento dell’efficienza energetica in Italia. Una problematica molto sentita, tanto da scatenare continue discussioni ed azioni pratiche non solo da parte del mondo politico e delle istituzioni, ma soprattutto da parte del mondo scientifico, che, per deformazione professionale, è portato ad avere per primo la concreta consapevolezza delle necessità e a trovare una soluzione. Parte dall’ENEA, Ente per le Nuove Tecnologie, l’ Energia e l’ Ambiente, un’iniziativa che, promuovendo gli obiettivi di sviluppo e di salvaguardia ambientale, pone l’ attenzione su un “soggetto” meritevole di tutto l’impegno possibile. Si rivolge agli oltre 41.000 edifici scolastici presenti in Italia, infatti, la Guida all’efficienza energetica recentemente redatta ed edita da ENEA in collaborazione con la Struttura di Missione per l’Edilizia Scolastica della Presidenza del Consiglio dei Ministri (strumento che ha lo scopo di coordinare e promuovere gli interventi di riqualificazione dell’edilizia scolastica) e condivisa con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ed il Ministero dell’Ambiente. Si tratta di un vero e proprio sussidio di prima Continua a leggere

Formazione professionale continua: onore o onere?

A cura della Dott.ssa Raffaella Striani

24870992_sE’ recentissima la circolare che il Consiglio Nazionale degli Ingegneri (Cni) ha inviato agli Ordini territoriali con le nuove direttive in merito al sistema per l’aggiornamento della competenza professionale. Con la circolare n. 722 della XVIII Sessione 2016, infatti, lo scorso 27 Aprile, lo stesso Consiglio ha approvato le linee di indirizzo n. 4, con le quali viene disciplinato il nuovo sistema di riconoscimento di Crediti Formativi Professionali (Cfp). “Nuovo” rispetto a cosa? Facciamo un passo indietro. Risale al 2012 il Decreto del Presidente della Repubblica n. 137 con cui, all’Art. 7, venne sancito ad ogni professionista “l’ obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale” allo scopo di “garantire la qualità e l’efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell’utente e della collettività”. Ai consigli nazionali degli ordini (o collegi territoriali) spettava Continua a leggere

I “nuovi” contratti di convivenza redatti dagli avvocati

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

Mallet, legal code and scales of justice. Law concept, studio shots

La legge sulle unioni civili approvata nei giorni scorsi assegna anche ai professionisti forensi il compito di attestare la liceità degli accordi di coppia

Presto gli avvocati saranno chiamati alla nuova “funzione” di attestare la legittimità degli accordi conclusi coppie di fatto per regolare i propri rapporti di convivenza. La novità è prevista espressamente dal testo della nuova legge sulle unioni civili, approvata definitivamente dalla Camera l’11 maggio scorso e in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il provvedimento approvato, tra le infinite polemiche di diverse parti politiche e il plauso delle parti sociali, ha profondamente innovato l’ordinamento italiano, attraverso l’inserimento di due nuovi istituti che si affiancano a quello tradizionale del matrimonio, allineando, dopo molti anni di ritardo, l’Italia, alla legislazione della maggior parte dei paesi europei.

Nel dettaglio, la legge, ha disciplinato per la prima volta nella storia italiana, le unioni civili, quale formazione familiare riservata alle coppie formate da Continua a leggere