I “nuovi” contratti di convivenza redatti dagli avvocati

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

Mallet, legal code and scales of justice. Law concept, studio shots

La legge sulle unioni civili approvata nei giorni scorsi assegna anche ai professionisti forensi il compito di attestare la liceità degli accordi di coppia

Presto gli avvocati saranno chiamati alla nuova “funzione” di attestare la legittimità degli accordi conclusi coppie di fatto per regolare i propri rapporti di convivenza. La novità è prevista espressamente dal testo della nuova legge sulle unioni civili, approvata definitivamente dalla Camera l’11 maggio scorso e in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il provvedimento approvato, tra le infinite polemiche di diverse parti politiche e il plauso delle parti sociali, ha profondamente innovato l’ordinamento italiano, attraverso l’inserimento di due nuovi istituti che si affiancano a quello tradizionale del matrimonio, allineando, dopo molti anni di ritardo, l’Italia, alla legislazione della maggior parte dei paesi europei.

Nel dettaglio, la legge, ha disciplinato per la prima volta nella storia italiana, le unioni civili, quale formazione familiare riservata alle coppie formate da Continua a leggere

Annunci

Quando la tecnologia ruba il posto all’immaginazione

A cura della Dott.ssa Raffaella Striani

Vedere oltre oggi si può. La scoperta di poteri paranormali? Nuovi occhiali speciali a raggi X?

Ultimate-guide-mobile-elearningNiente di tutto questo, si tratta semplicemente di un altro passo avanti nella tecnologia Android, la quale pare proprio non porsi alcun limite. Dal telefono fisso al mobile per arrivare al touch-screen, chi l’avrebbe mai detto che con il cellulare la semplice telefonata sarebbe diventata quasi obsoleta. Quasi ai limiti della dipendenza, ormai con il cellulare si convive gran parte della giornata. Proprio nel campo della telefonia mobile, anno dopo anno si ha assistito ad un’evoluzione tecnologica senza eguali. Sono bastati pochi decenni (risale al 1973 la prima chiamata effettuata dal un cellulare) e, quasi al pari di un computer, in pochissimo tempo con il cellulare si è arrivati a navigare sul web, scattare fotografie con il massimo della risoluzione con una panoramica di 360°, gestire la propria posta elettronica, lavorare con i software più aggiornati, senza poi trascurare il tempo libero, in cui giocare, leggere libri o addirittura vedere film e programmi TV quando e dove si vuole, è diventata ormai una routine. E semmai qualcuno avesse pensato che tutto il possibile fosse stato ormai raggiunto, Android ha dato una svolta, perché Continua a leggere

Revisori legali: in Gazzetta Ufficiale le nuove regole per l’esame di abilitazione

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

anatocismoIl provvedimento entra in vigore il 19 maggio e prevede una procedura “semplificata” per avvocati e commercialisti

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale (n. 103 del 4 maggio 2016) il DM_Giustizia_63_2016_Revisori contenente il regolamento sull’esame di idoneità professionale per l’abilitazione all’esercizio dell’attività di revisore legale.

La nuova disciplina, che detta precise regole sulle modalità di iscrizione e sui requisiti di accesso, nonché sulle materie e lo svolgimento delle prove d’esame, prevede altresì una sorta di “regime semplificato” per gli avvocati e i commercialisti.

Il regolamento entrerà in vigore il prossimo 19 maggio.

Ecco le principali novità:

I requisiti per l’ammissione

Per poter essere ammessi all’esame di revisori legali dei conti è necessario Continua a leggere

Avvocati: il codice deontologico ha un nuovo articolo 35. Ecco cosa prevede

A cura dell’Avv. Valeria Zeppilli

Nella Gazzetsynago-gare-appalti-avvocati-365x365ta Ufficiale numero 102 del 3 maggio 2016 è stato finalmente pubblicato il nuovo articolo 35 del codice deontologico forense.

Con la conseguenza che oggi il dovere di corretta informazione gravante sugli avvocati presenta una nuova fisionomia.

Ad averla disegnata, nel dettaglio, è stato il Consiglio Nazionale Forense nella seduta amministrativa del 22 gennaio scorso, facendo tesoro delle procedure di consultazione appositamente avviate a seguito della delibera del 23 ottobre 2015 e consistite nell’acquisizione dei pareri espressi dai Consigli degli Ordini distrettuali per via telematica.

Tale modifica, del resto, si presentava ormai come imprescindibile e l’impossibilità di Continua a leggere

Cnf vs Equitalia: equo compenso agli avvocati

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

L’intervento del Consiglio Nazionale Forense sulla convenzione “capestro” di Equitalia per gli avvocati

Da un minimo di 50 eucompensi-avvocatiro per le cause di fronte al giudice di pace, indipendentemente dal valore, a 75 euro per le liti di valore non superiore a 20mila euro, fino a un tetto massimo di mille euro per le controversie innanzi alla Cassazione o alla Corte dei Conti. Sono queste le “cifre” che Equitalia intende corrispondere a titolo di compenso agli avvocati che prestano la propria opera professionale in suo favore.

Cifre che, com’è ovvio, e non solo per i criteri di quantificazione, sono state portate nei giorni scorsi all’attenzione del Consiglio Nazionale Forense dagli ordini interessati, al fine di un autorevole intervento in materia.

La vicenda

La vicenda prende le mosse dal Consiglio dell’Ordine di Santa Maria Capua Vetere che, a seguito dei numerosi solleciti verbali ricevuti dagli iscritti, ha deciso di denunciare al Cnf i compensi “da fame” che Equitalia Sud ha proposto ai propri legali.

Con delibera emanata il 21 aprile scorso, a firma del presidente avv. Carlo Grillo, Continua a leggere