Magistratura onoraria: tutti i punti della riforma

A cura della Dott.ssa Marina Crisafi

Ecco i punti principali del ddl sulla riforma della magistratura onoraria approvato dal Senato.

Un’unica figura di magistrato onorario clegalon maggiori competenze per materia e per valore; un innalzamento dei limiti entro i quali il giudice di pace può decidere secondo equità e un riordino complessivo dell’intera disciplina delle modalità di accesso e della liquidazione delle indennità. Sono questi i punti chiave del disegno di legge n. 1738 di riforma della magistratura onoraria che ha ricevuto il 10 marzo scorso il via libera dal Senato con 127 voti a favore, 46 contrari e 31 astenuti.

Il testo, che dà ampia delega al Governo ad operare un netto restyling della carriera dei nuovi “giudici onorari di pace” nel quadro di un complessivo riassetto del quadro della magistratura onoraria, traghetta ora alla Camera dei deputati per l’approvazione definitiva.

Ecco, in pillole, i punti principali della riforma:

Il nuovo giudice onorario di pace

Chiave di volta del disegno di legge delega è il superamento dell’attuale distinzione tra giudici onorari di tribunale e giudici di pace a favore di un’unica figura, inserita in un solo ufficio giudiziario: il giudice onorario di pace.

Figura che dovrà essere meglio definita nei decreti delegati  entro un anno dall’entrata in vigore della riforma, attraverso, anche, un Continua a leggere

Annunci